Reggivaligia: una piccola attenzione per assicurare il comfort degli ospiti

Il gradimento dell’ospite di un hotel è dato da tanti piccoli elementi: la qualità degli asciugamani, la pulizia del bagno, com’è stato rifatto il letto, la quantità di tipi di zucchero a disposizione nell’area bar…

Proprio per questo non ci si può permettere di tralasciare nemmeno il più piccolo, insignificante dettaglio. Bisogna essere previdenti ed anticipare ogni bisogno del cliente, nel servizio quanto nell’arredo delle stanze.

Il cliente, infatti, potrebbe decidere di non tornare e di lasciare una recensione negativa sulla base di quella che ha percepito come una grave mancanza. Ad esempio, potrebbe entrare in camera per la prima volta e accorgersi di non avere un arredo apposta per appoggiare la valigia, ed essere costretto a poggiarla sul tavolino, sul letto o addirittura per terra.

Per evitare che sia questa semplice svista ad arrecare danno all’hotel è meglio inserire in ogni stanza un reggivaligia. Così i clienti già abituati ad avere un supporto per la valigia saranno soddisfatti, e quelli che non se lo aspettano rimarranno piacevolmente sorpresi e lo vedranno come un tocco di classe.

Per fare effetto i reggivaligia non devono essere per forza stravaganti ed eleganti, basta che abbiano un design semplice, funzionale e facile da usare. Per questo la maggior parte dei modelli è composto da delle gambe in metallo, nello specifico in acciaio, e da cinghie in tela o in PVC che hanno il compito di supportare la valigia. Per chi preferisce uno stile più tradizionale senza rinunciare alla resistenza e alla robustezza sono disponibili anche con una struttura in legno.

Possono essere strutture fisse, come dei veri complementi d’arredo, ma anche mobili e ripiegabili, così da non occupare spazio prezioso. L’altezza è importante, perché deve essere ottimale per evitare che gli ospiti sforzino la schiena per piegarsi e disfare e rifare le valigie.

Possono anche esercitare più di una funzione: ad esempio i reggivaligia senza sponda fanno anche da porta vassoi per la colazione in camera!

È meglio sceglierli con sponda, però, se le pareti della stanza sono particolarmente delicate. Infatti, i reggivaligia sono solitamente posizionati vicino alle pareti, con il rischio che, ogni volta che l’ospite apre e chiude il bagaglio, questo urti il muro lasciando graffi e righe. Le sponde, quindi, sono necessarie se si vogliono evitare questi segni antiestetici.

È fondamentale che siano in grado di sopportare qualunque tipo di peso: dal borsone di chi si ferma solo per qualche giorno alle pesanti valigie degli avventori stranieri che vengono da molto lontano. I reggivaligia di portata superiore soddisfano i bisogni di quest’ultimi, perché sono realizzati apposta per sostenere carichi pesanti e valigie di medie e grandi dimensioni.

I reggivaligie compatti, invece, sono di piccole dimensioni, adatti alle strutture alberghiere le cui camere non hanno molto spazio a disposizione ma che vogliono comunque fornire questo confort ai propri clienti.

Il reggivaligia è solo uno dei tanti elementi in grado di rendere una stanza d’hotel confortevole e allo stesso tempo funzionale. È un arredo semplice, di dimensioni modeste, ma il risultato è assicurato: sono le piccole attenzioni quelle che fanno più piacere!