Integratore alimentare naturale Sirt500, recensioni

Gli integratori alimentari sono definiti, dal Ministero della Salute e da una particolare normativa di settore, che ha recepito la direttiva 2002/46/CE, attraverso il decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169. Gli integratori alimentari, dunque, vengono indicati, da specifica definizione, come “prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico”. Sirt500 plus appartiene a questa famiglia. Un integratore alimentare che funge da attivatore delle sirtuine, classe di proteine, strettamente legate ai meccanismi di invecchiamento dell’organismo umano. Grazie a un brevetto registrato Sirt500 ha portato le sirtuine in commercio, in Italia e in Europa. Proteine che, grazie a una serie di studi e di evidenze scientifiche, possono essere considerate come l’elisir di lunga vita. Sempre secondo quanto previsto dalla normativa italiana ed europea, gli integratori alimentari possono contenere alcune sostanze “in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate”. Sirt500 contiene proprio queste sostanze naturali, attivatori delle sirtuine, in particolare tre elementi presenti in natura: il pterostilbene, la polidatina e l’onochiolo.

Le linee guida del Ministero della Salute, in Italia, sull’immissione in commercio di un integratore alimentare, sono molto chiare, e Sirt500 ha seguito scrupolosamente questa procedura, prima di arrivare alla vendita online, nel 2020, sul sito https://www.sirt500.it/. Per un integratore alimentare, infatti, l’immissione in commercio è subordinata alla procedura di notifica dell’etichetta al Ministero della Salute. Sempre secondo le linee guida ministeriali, gli integratori alimentari devono fornire un “apporto di vitamine, minerali e altre sostanze”, e devono riportare i livelli massimi di apporto consentiti per vitamine e minerali, oltre a seguire specifiche disposizioni per le sostanze a effetto “fisiologico” come probiotici e prebiotici. In ogni caso, sempre e comunque, una sostanza, “per poter essere usata in un integratore alimentare, deve aver fatto registrare in ambito UE un pregresso consumo significativo come prova di sicurezza”, specificano dal Ministero della Salute. Negli altri casi, dunque quando la sostanza si configura è un nuovo ingrediente in base al regolamento (CE) 258/97, è necessaria una preventiva autorizzazione a livello europeo.

Nel caso di Sirt500 plus, una volta ottenuto il brevetto mondiale e concluso l’iter delle autorizzazioni, è stato possibile immetterlo sul mercato ed è partita la vendita online sul sito del prodotto. Sirt500 è un integratore alimentare contenente estratti di piante selezionate ricche di attivatori delle sirtuine. L’integratore alimentare Sirt500 è stato realizzato dall’azienda svizzera Sirt 500 Sagl, è già autorizzato in tutta Europa, e negli Stati Uniti si prevede che l’autorizzazione possa arrivare entro settembre 2020. Un progetto partito circa cinque anni fa, con l’idea di approfondire e sviluppare gli studi di David Sinclair, biologo australiano che aveva compreso e studiato gli effetti dell’attivazione delle sirtuine sulla longevità e sui processi di invecchiamento. Oggi gli studi portati costantemente avanti da Sirt500 coinvolgono i migliori biochimici e microbiologi, e una serie di importanti istituti di ricerca, come l’Università di Tor Vergata, l’Istituto di Ricerca San Raffaele di Roma, l’Università La Sapienza e l’Università di Miami. Quattro importanti realtà di fama internazionale che hanno testato e stanno programmando ulteriori studi con Sirt500.