Composizioni floreali per i funerali: quali sono

    La perdita di un proprio caro è sempre un momento molto difficile e doloroso da affrontare. In questi momenti, ai famigliari è richiesto un certo sforzo perché ci sono da organizzare le esequie. Per fortuna, arriva in loro aiuto l’agenzia di onoranze funerali, il cui compito è proprio quello di occuparsi di tutte le incombenze organizzative. Tra i tanti servizi che vengono prestati, c’è anche l’ordine dei fiori. Si tratta di un aspetto importante che no vai mai preso sotto gamba. Per questo motivo, vediamo subito di scoprire quali sono le composizioni più usate in questi casi.

    Il cuscinetto

    Si parla di cuscinetto per indicare una particolare composizione che viene sistemata al di sopra della cassa funebre. Si tratta di una composizione di fiori freschi, spesso tutti dello stesso tipo, che viene adagiata sulla cassa per decorarla. Viene sistemata dagli addetti nel momento del ritiro della salma presso la camera mortuaria e poi seppellita assieme al defunto. Solitamene, questa composizione viene ordinata dai famigliari più stretti.

    Le corone di fiori

    Oltre al classico cuscinetto di fiori di cui sopra, ci sono anche altri composizioni che si possono prendere in considerazione per i funerali. Si tratta delle corone di fiori che spesso sono ordinate da parenti e amici. Spesso hanno un nastro per indicare chi le ha regalate. Vanno spedite in chiesa e poi gli addetti si occupano di portarle con i mezzi appositi presso il campo santo dove si tiene l’ultimissima parte della celebrazione, cioè  la sepoltura.

    Le decorazioni in chiesa

    Oltre alle composizioni floreali come quelle citate sopra, spesso le pompe funebri in accordo con i famigliari di chi è venuto ammanicare, ordinando anche altri fiori. Questi servono per le decorazioni floreali in chiesa. Infatti, ci vogliono dei fiori per l’altare e il pulpito per celebrare una cerimonia come si deve che permetta di dare degna sepoltura al proprio caro che è passato a miglior vita.

    Se desideri avere ulteriori approfondimenti, vai su www.chiericoniroma.it