Come costituire una società in Austria

Sempre più numerose sono le aziende italiane che decidono di espandere il proprio business all’estero e in particolare di investire in Austria, complice la tassazione che risulta è molto vantaggiosa soprattutto se l’intento è quello di costituire una società di capitali.

Le forme societarie più diffuse sono due, la GMBH che si può paragonare alla SRL e la SA ovvero la SPA.

Gli step da seguire

La prima cosa che bisogna fare è quella di contattare esperti locali, come ABA – Invest in Austria, che aiuteranno a facilitare la costituzione e lo sviluppo di società straniere consigliandovi sulle varie fasi da seguire come il munirsi di un’apposita licenza che verrà rilasciata direttamente dall’ufficio competente territoriale.

Per poter costituire una GMBH, il capitale sociale minimo è di 35.000€, e almeno la metà dovrà essere versata al momento dell’atto della costituzione.

Tuttavia, la legge in quest’ultimo caso è stata leggermente modificata, anziché bonificare all’atto della costituzione 35.000€, per i primi 10 anni si può optare per una costituzione “privilegiata e dunque con un capitale ridotto a 10.000 € con un versamento iniziale di 5.000 € costituzione che avverrà tramite atto notarile.

Rispetto all’imposta italiana equivalente al 27,5%, quella austriaca è molto più vantaggiosa e pari al 25%.

Oltre a ciò c’è da considerare la deducibilità dei costi, quindi le agevolazioni sono di gran lunga maggiori.

Per rendere chiaro quanto detto, le spese telefoniche, i costi delle trasferte, l’automobile e altre spese aziendali, vengono detratte, per cui l’aliquota nominale di fatto, potrà essere considerata inferiore.

Poi c’è da fare un’altra considerazione: l’imposta IRES unica tassa sugli utili della società è pari al 25%.

L’Ires minima nei primi 5 anni è di 500 €, a partire poi dal decimo anno passa a 1.750 € per anno.

L’Ires non è persa, ma viene riconosciuto come credito d’imposta nell’anno in cui si fa un utile.

Un altro vantaggio di investire in Austria dipende anche dalla buona crescita economica, dalla stabilità politica, da un moderno impianto legislativo senza dimenticare che la burocrazia è molto veloce e snella.

Come funziona l’assunzione di personale

Anche in questo caso l’azienda gode di vantaggi e benefici non indifferenti.

Inoltre, l’Austria è uno di quei paesi dove è possibile trovare molti lavoratori qualificati, potendo contare sul doppio sistema di istruzione.

Per quanto concerne il sistema contrattualistico relativo al lavoro dipendente, entrambe le parti hanno la facoltà di rescindere il contratto senza un giustificato motivo, purché diano il preavviso entro al massimo 6 settimane.

Ulteriori vantaggi nella costituzione di una società in Austria

L’Austria ha stipulato degli accordi anche per la doppia imposizione, in maniera tale da favorire gli scambi commerciali con i Paesi industrializzati.

Ad oggi infatti, si contano più di 60 trattati.

Da come si può intuire l’economia austriaca è molto fiorente, chi vuole costituire una società i vantaggi fiscali di certo non mancano, in aggiunta, c’è da considerare che le sovvenzioni che il governo austriaco offre agli aspiranti imprenditori sono altresì favorevoli.

Molte importanti società italiane ma anche estere sono presenti in questo luogo.

Risulta dunque chiaro che tutti gli imprenditori che vogliono espandere il proprio business, l’Austria rappresenta uno dei migliori paesi dell’UE che si possa prendere in considerazione per perseguire l’obiettivo sperato.